…genitori

…è così difficile rapportarsi con le figlie, ho una visione delle cose, spesso diversa dalla loro. 
Se gli anticipi qualcosa, può essere anche solo stendere dei panni, mi sento quasi rimproverare, come se la mia fosse presunzione, come se le considerassi non capaci di eseguire quel compito. 
Altre volte, se mi sfugge un particolare, vengo accusata di trascurarle.
In conclusione come la fai la sbagli. 
Non dico poi parlarci appena sveglie la mattina, un dramma, devono prima metabolizzare il risveglio. 
Alcune volte penso di essere io, fuori dagli schemi, non loro e questa valutazione dei fatti, mi sta portando a comprendere, quale destinazione prendere a breve.
Credo ci si colpevolizzi troppo, quando dai figli ci vengono chieste attenzioni, che spesso sono pretese se non ricatti e ci pesano.
Dovremmo staccarci completamente dalla loro vita, non come affetto, ma come attaccamento genitoriale. 
Smettere di avere paura che qualcuno o qualcosa possa farli soffrire. 
Siamo genitori fin quanto dobbiamo direzionali su quella che a noi sembra la giusta via, una volta insegnato il percorso, sta a loro decidere come percorrerlo.
Se sbagliano dovremmo semplicemente fargli capire che gli sbagli non esistono,  importante è accettarli come storia della propria vita e ogni vita ha il suo valore. 
Così come ha valore la… mia!


L’impresa più difficile dell’essere genitori
è lasciare che le nostre speranze per i figli
abbiano la meglio sulle nostre paure.

Ellen Godman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa