…vivere tutte le vite

…a volte basta un ritornello, una semplice canzoncina, per riportare la dolcezza dentro me. 
La canticchio e la ricanticchio come una nenia esorcizzante. 
All’inizio se qualcosa non va, le note sono un po’ stonate e le parole, molte, dimenticate. 
Ma poi mi dico: “Isa, non puoi cambiare il mondo, non puoi pretendere che vada tutto come vuoi tu”. 
Le cose vanno da sé, bisogna accettarle e cercare di far andare avanti, quest’avventura chiamata: ” vita”. 
I miei giorni sono sempre diversi, mai monotoni e quando mi concentro solo su me, anche canticchiare una canzone ad occhi chiusi,  mi fa sentire partecipe del mio tempo… una alla volta ricordo le parole e la canzone diventa una colonna sonora. 

E non voglio vivere tutte le vite
Vedere ogni posto del mondo
Vincere tutte le volte, essere sempre forte
Uscire senza graffi sulla pelle…

La colonna sonora di oggi, 7 agosto 2019, “vivere tutte le vite” di Elisa e Carl Brave. 
Perché dobbiamo sempre aggrapparci a qualcosa, per dare un senso ai giorni. 
Gli uomini, miliardi, un viavai di anime, eppure quanta solitudine. 
Basterebbe un semplice ciao o un sorriso, per cambiare il nostro umore, per renderci felici, per unirci uno all’altro, pur non conoscendoci. 
Gli uomini, definiti “esseri sociali”, ma realmente ognuno diffida dell’altro e questo sentimento di sfiducia rende cupi i nostri pensieri.
Vabbè, anche oggi c’è l’ho fatta, ho ritrovato “il senso della vita”. 
Posso addormentarmi continuando ad amare. 
Ad accompagnare il mio tempo decorandolo con le note e le parole di allegre canzoni e con esse non sentire dentro, la tristezza che è fuori. 


La musica è basata sull’armonia tra Cielo e Terra,
è la coincidenza tra il disordine e la chiarezza.

Hermann Hesse


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa