…lo sguardo di Lime

…oggi mentre accarezzavo il cane di mio figlio, provavo una strana emozione.
Mi sono ritrovata con gli occhi umidi e un’infinità di tenerezza nel cuore. 
Come possono, gli animali, trasmettere così tanto benessere alla nostra anima e donarci tranquillità, senza fare nulla. 
Abbiamo di fronte solo il loro dolce sguardo e la loro fedeltà. 
Quello che gli uomini non posseggono. 
Cercavo di riportare alla mente, tutte le persone che negli anni mi sono state vicine, mettendo in evidenza non i tratti somatici, ma particolari del carattere. 
Mi chiedevo, chi di loro, avrei potuto paragonare come emozione, a quello che stavo provando in quel momento. 
Cercando di scavare nei particolari determinate situazioni, ho fatto fatica a giustificare i vari comportamenti. 
La maggior parte degli amici è incasinato già di suo, mentre negli affetti, trovo egoismo e spesso cattiveria, in cui faccio fatica anche a spizzicare  una ben minima bontà. 
È proprio questa cosa, che personalmente, mi fa riflettere. 
Ognuno è libero di agire come crede, se pur amici, “gli altri”, rimangono “gli altri”. 
Ma chi è unito al nostro cuore, dovrebbe perlomeno essere rispettoso nei nostri confronti.
E invece, è proprio da loro che spesso riceviamo i torti più gravi, quelli che ci spezzano dentro e ci fanno apparire il mondo: “cattivo”. 
Quante battaglie ingiuste e inutili ho dovuto affrontare. 
Combattimenti senza nessun senso, se non quello della competizione. 
Mi ci sto invecchiando con questi scontri. 
Ma forse, è grazie a questo continuo conflitto, che potrò essere libera da catene umane. 
Libera di donare tutte le carezze del mondo, a chi con uno sguardo, in silenzio e docilmente, continuerà a regalarmi l’emozione più bella che ci sia, quella che si prova, quando avvertiamo di essere “amati”.


Il solo posto al mondo
in cui si può incontrare
un uomo degno di questo nome
è lo sguardo di un cane.

Romain Gary


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa