…fa caldo…caldo

…oggi vado a dormire con qualche grammo di meno. 
Sono stata tutto il giorno quasi immobile sul dondolo per il gran caldo. 
Ogni tanto lo facevo dondolare per illudermi che un leggero soffio di vento spirasse. 
Penso ci saranno stati più di 40 gradi nelle ore di punta, perché stare sotto il sole era impossibile. 
Mi sono letteralmente sciolta. 
Pensare che poco più di un mese fa ci lamentavamo di questa estate che tardava ad arrivare. 
Chissà se sarebbe arrivata, continuavamo a ribadire. 
La pioggia che copiosa ogni giorno cadeva dal cielo, era diventata l’argomento di conversazione giornaliero. 
Nei messaggi mattutini, immagini di ombrelli e faccine arrabbiate, con battute sul tempo nuvoloso e freddo che continuava a persistere nonostante l’avvicinarsi dell’estate, erano ormai le preferite. 
Ora invece la sogniamo, al nord cade e rinfresca, ma qui al sud la terra è arida e la voglia di sentire l’odore del dopo temporale sta diventando un miraggio. 
Sicuramente arriveranno gli acquazzoni, ma per adesso possiamo solo sognarli. 
Quando, tanti anni fa andavo al mare a S.Pietro, sistematicamente, dopo Ferragosto, arrivava il primo temporale, era così desiderato che con gli amici ballavamo sotto la pioggia, che belle sensazioni provavo, sono vive nei ricordi. 
Quest’anno penso balleremo, ma “la danza della pioggia” e speriamo che il cielo sia in pace con la terra, così da dissetarla e a noi piccoli esseri umani godere di un po’ di frescura. 
Per ora me ne vado a dormire con qualche grammo in meno!


Alle 10 c’erano 30°;
– Alle 11 c’erano 35°;
– Alle 12 ci saranno 40°;
Se i miei calcoli sono giusti alle 13 morirò cremato.

Dlavolo, Twitter


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa