…La Luna

…cosa mi fa sentire così felice, questa notte di luna piena.
Forse la stessa luna, che sospesa lassù mi osserva.
Il suo bianco splendore la illumina così tanto, che le terre in rilievo, sembrano tratti di un viso umano.
Mi incanto a guardarla, in notti calde come questa.
Ne rimango incantata e a lei parlo come fosse una presenza vicina.
Dialogare con l’amica luna è una cosa che faccio spesso.
Ricordo le notti di un po’ di anni fa a Campo Marino, nella mia casa di mare.
Dico mia, perché era stata acquistata con il mio nominativo, ed è li che avevo la residenza.
Dopo che i ragazzi erano tutti usciti e rimanevo sola, me ne andavo sul terrazzo.
Da lì, nel buio più totale, senza presenze umane, potevo osservare il cielo.
Tutto era ovattato da quel posto, distesa su una brandina,  solo io e la luna che mi fissava.
L’intento era quello di chiudere gli occhi e nella quiete abbandonarmi al sonno.
Ma non ci riuscivo mai, dopo un po’ mi sentivo osservata, allora iniziava il mio dialogo con lei.
Un’attrazione forte, niente e nessuno mi avrebbe distolta da quella prospettiva.
Tiravo fuori, in quelle conversazioni, tutto quello che in quel periodo mi soffocava, mi rendeva così tanto infelice da non riuscire neanche più a piangere.
E quando si arriva al punto di non essere capace di lasciarsi consolare da un pianto, si è arrivati al capolinea della depressione, ed io stavo ad un passo da quel baratro.
Avevo tanta di quella tristezza racchiusa nel mio cuore, che me lo sentivo raschiare dentro il petto.
Piano piano però,  dopo quegli appuntamenti romantici, riscendendo le scale e lasciandomi cadere sul letto, iniziavo ad avvertire una strana quiete, simile alla serenità, vicina alla felicità.
Allora ho capito la sua forza.
La grande energia che emana il suo splendore.
Non ha importanza che la luna sia lì per tutti, quando la guardo come ora, lei è solo mia e il mio cuore sta bene, si sente forte e al sicuro.
Continuerò a dialogare con lei, ad affidarle tutti  i miei sogni, perché da quando lo faccio, sono diventati realtà.


La luna è l’anima,
è il nostro modo di vivere le emozioni,
i desideri, i sogni.
La terra è la realtà,
il luogo in cui lottare con i rimpianti e le delusioni.

Romano Battaglia


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa