…Forza italiane

…e stasera si va a dormire ricordando lo sventolio dell’ amata bandiera tricolore.
Che grande partita hanno fatto le nostre ragazze del calcio femminile, ai campionati mondiali di Francia.
Dopo tanti anni di apatia verso questo amato sport, in cui non ritrovavo più il bel gioco all’italiana, ci volevano loro, le donne, a riportarlo in luce.
Una tecnica ottima in ogni ruolo, azioni spettacolari, coordinazione, ma soprattutto gioco di squadra, hanno reso i due tempi, uno spettacolo entusiasmante.
Niente cattiverie tra le ragazze di entrambi le squadre, niente gesti arroganti e presuntuosi.
Solo un gran calcio e che calcio, non c’è stata storia per le Giamaicane che hanno subito ben cinque gol.
Nonostante il risultato, la correttezza nel gioco lo si è visto fino alla fine, fino al fischio della “signora” arbitro, così la nominava la telecronista.
In questi giorni si è sparato molto su queste ragazze.
Le hanno definite “lesbiche”, come se fosse un dispregiativo.
Poveri stupidi, perché solo gli stupidi non riescono a comprendere che chi e’ libero da ogni etichetta e ogni razzismo, la differenza l’ha fatta proprio tra la loro stupidità e il non essere degni di definirsi “uomini”.
Dai ragazze, continuate a farci sognare.
Martedì ci sarà la sfida con le brasiliane, ci sarà da soffrire fino alla fine, ma sarà bello sentirci tutti uniti in quei 90 minuti.
Sotto questo caldo cielo si griderà ancora… Forza Italia!


Il calcio è l’arte di comprimere la storia universale in 90 minuti.

George Bernard Shaw


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa