…estate

…e l’estate è arrivata con tutto il suo caldo e la voglia di mare.
La serata piena di voci, ha allontanato il freddo, la pioggia e il vento che quest’anno ci hanno tenuto compagnia per tanti mesi.
Come ogni cosa col tempo passa, anche il cambiamento delle stagioni quando arriva, ci fa dimenticare quella precedente e dare l’impressione che quella presente ci sia sempre stata.
Da oggi la voglia principale, soprattutto nelle ore in cui il sole picchierà forte, sarà: “il mare”.
Averlo vicino, raggiungibile in pochi minuti, me lo fa desiderare ancora di più.
Da parecchi anni non si avverte più, tuffandosi nelle sue acque limpide, la differenza caldo-freddo.
Il mare e’ diventato un enorme vasca e spesso nelle giornate in cui le correnti scorrono lungo i fondali, sembra di fare il bagno  in un idromassaggio.
L’altra voglia è il gelato.
Questa sera, quelle cucchiaiate di sorbetto al limone, oltre che rinfrescarmi, mi hanno ricordato i tempi in cui ero appena arrivata a Francavilla.
Era il 1975, avevo il mio primo figlio Cristiano di pochi mesi e il caldo era umido e soffocante, abituata al fresco dei pini del mio paese, mi mancava l’aria in quei torridi pomeriggi.
Nella quiete della siesta, si sentiva riecheggia nell’aria  la trombetta e la voce di “Curciulicchiu”.
Parapà… Parapà… Il gelato di Curciulicchio!
Pedalando, percorreva ogni stradina del paese, portando un po’ di fresco, col suo gelato artigianale al limone.
Allora, soldi alla mano, scappavo in strada e lo chiamavo: “un cono grazie” e lui, dopo avermelo riempito, mi salutava alzandosi il cappellino da gelataio: “a cray bedda signurina”.
Risaliva sulla bicicletta che aveva meta’ forma di barchetta avanti, dove teneva i contenitori del gelato e ripetendo la canzoncina attira clienti, si allontanava lasciando l’eco della voce e la scia dell’odore del gelato al limone.
Altri tempi, altre emozioni, belle da ricordare, dolci da conservare.


La notte estiva è come una
perfezione del pensiero.

Wallace Stevens


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa