…Sognare

…sono stanca questa sera.
Credo che gli occhi si abbandoneranno al sonno prima del solito.
Spesso dimentico che ho quasi 65 anni, che ho cresciuto quattro figli, che non sto al top come salute e che sono stufa di tante cose.
Sogno un luogo dove potermi rifugiare e starmene tranquilla, io e la mia anima.
La sera, potermi rilassare con la lettura di un bel libro, mentre sorseggio vino rosso e quando le palpebre cominciano ad essere pesanti, lasciarle appoggiare l’una sopra l’altra e… sognare.
Ho sempre sognato tanto sin da bambina e alcune volte ne ho compreso anche il significato.
Sogno così intensamente che alcune volte, se mi sveglio per andare al bagno o bere, ritornando a dormire continuo il sogno.
Ma stasera ho bisogno solo di raggiungere la mia isola che “c’è”.
Perché  tutti ne abbiamo una su cui sperare di approdare lasciando altrove ogni affanno.
Dove poter dimenticare tutto ciò che mi ferisce e vorrebbe togliermi la gioia di vivere.
Amo da morire la mia vita e ogni tassello che diventa un ingranaggio perfetto, quando tutto procede liscio.
Ma stasera sono stanca e voglio solo… sognare!


Gli uomini in stato di veglia
hanno un solo mondo che è loro comune.
Nel sonno,
ognuno ritorna a un suo proprio mondo particolare.


Eraclito


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa