in vino veritas

…”in vino veritas”, nel vino è la verità, questa la traduzione dell’antico proverbio latino.
Ciò significa, che quando una persona è alticcia, non riesce a mentire e esprime i veri pensieri, scopre la sua vera identità.
Io oggi non l’ho rivelata agli altri ma a me stessa e ne sono soddisfatta.
Dall’ultima pasquetta trascorsa con la sua comitiva, mio figlio ha riportato come rimanenza, un paio di litri di primitivo dolce.
Non sono una assidua consumatrice di vino a tavola, ma il primitivo, quello dolce, credo che sia la bevanda in assoluto che mi piace bere a tutte le ore, con o senza cibo.
Se me lo ritrovo in casa, mentre cucino, o leggo o vedo la televisione mi piace sorseggiarlo di continuo e il problema è che ne verso nel bicchiere come fosse acqua e più ne bevo, più ne vorrei bere.
Sono consapevole di questa golosità, quindi sto attenta, ma oggi, accompagnandolo con della focaccia che ho distribuita nei vari pasti del giorno, me lo son voluta godere per tutta la giornata e devo dire che è stata una meravigliosa giornata.
Quel senso di intontimento che mi ha accompagnato nelle ore, facendomi vivere come in un torpore, mi ha fatto sentire così bene.
Problemi e inquietudini si sono allontanate dalla mente e la vita è apparsa leggera.
Se come dice il proverbio latino “nel vino è la verità”, io ho ritrovato me stessa, la “Isa” piena di fiducia nel domani, che ama la sua storia, con tutti gli annessi e connessi.
Mi sono sentita come una bolla fluttuante trasportata da un’allegra energia e la prospettiva di ogni situazione, al contrario di come si potrebbe pensare, mi è parsa lineare e positiva.
Naturalmente non mi sono ubriacata, ho solo mischiato al liquido rosso del mio sangue, quello squisito pieno di briosità del “dolce Primitivo di Manduria”.
Prima di andare a dormire guardandomi allo specchio, osservando i miei occhi verdi brillare, ho pensato… forse al mio piccolo essere, oggi, gli dei hanno voluto donare un pizzico di immortalità.


Il vino eleva l’anima e i pensieri,
e le inquietudini si allontanano dal cuore dell’uomo.

Pindaro


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa