…la gratitudine

…oggi vorrei ringraziare l’Universo per la pace che mi ha donato.
Appesa ad una catenina al collo, ho una croce che stringo e sfrego con carezze, quando ho bisogno di aiuto o sono felice per qualcosa che ho ottenuto.
Me l’ha regalata un amico del mio cuore, una di quelle persone “pure” ormai sempre più rare, o forse timide nel farsi riconoscere, in un mondo dove l’arroganza e la prepotenza sembrano prevalere.
E’ di acciaio e divisa a metà.
Quando la cerco sotto i vestiti, la unisco e ne percepisco il calore che emana.
Ha per me un potere calmante unico, toccandola, è come toccassi il cielo.
Se cerco un consiglio col pensiero, gli sussurro “aiutami”, oggi invece la tenevo stretta percependone il contatto e continuavo a dirgli “grazie”.
Grazie di avermi fatto abbracciare da questa giornata e aver gioito per quelle piccole, semplici cose, che fanno parte del mio quotidiano.
Quando avverto il cuore e la mente predisposta a ringraziare l’Universo, basta un odore che mi riporta a momenti sereni o il vento che mi ridona carezze lontane e mi sento così felice da non desiderare altro.
In questi momenti della mia unione con il tutto, sono: “IO”.
Mi sento invincibile, rispettosa e gentile con la vita e qualsiasi essere vivente e il mio più grande desiderio è che tutti fossero e si sentissero come me.
Sono consapevole di quanto dolore e ingiustizie regnano nel mondo, spesso anche ad un passo dai nostri cuori.
Ma sono anche convinta che, l’amore emanato nell’aria, da chi non prova cattiveria, possa raggiungere il cuore di chi chiede solo una scintilla di serenità.


Noi diamo spesso per scontate
proprio le cose
che più meritano la nostra
“gratitudine”

Cynthia Ozick


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa