…tradimento

…quanti dubbi e insofferenza dietro un’amica tradita.
Si dovrebbe comprendere che, ogni azione compiuta dall’uomo a danno di un altro, è un tormento per se stesso.
Amare ed essere amati non è cosa semplice.
L’amore è il sentimento principale per l’essere umano, quello che alleggerisce il cuore e lo rende migliore.
Perché spezzarlo!
Perché essere così presuntuosi, per sentirsi superuomini, di saperlo gestire avendo interesse per più persone.
Ho sempre provato tanta pena per chi tradisce, più che per chi viene tradito.
Quando sei innamorato e rimani fedele , sei in pace con la tua anima e in futuro saprai riprovare con più intensità questo sentimento.
Al momento soffrirai tantissimo scoprendo l’infedeltà di chi reputavi il centro del tuo universo, ti sentirai sconfitto, ma se allontani l’egoismo del possesso, col tempo tutto passa.
Chi invece ha l’abitudine di ingannare, sembra spavaldo, felice, sicuro di sè, ma nel profondo cova la confusione più totale.
Non dando valore al tradimento, allontaniamo dal cuore, la gioia e la dolcezza che ci procura la cura verso chi amiamo.
Niente è più saziante di quando guardi e accarezzi con gli occhi dell’amore.
Tutto si riduce ad azioni fatte per abitudini e convenienza se tradisci e la vita non ci insegna questo.
Cosa te ne fai, ripeto sempre, di tenere accanto una persona che non ti ama. Cerchiamo di donare il nostro bene più prezioso a chi merita di camminare al nostro fianco.
Se sapremo osservare, essendo consapevoli del valore di donare AMORE, troveremo sempre la persona giusta.
Non dovremmo avere fretta di avere fiducia dell’altro.
Quelle regole che ci inculcano da piccoli, che scandiscono come comandamenti le tappe della nostra vita, non dovrebbero più esistere, c’è un tempo per ogni cosa e il tempo rimane uno dei nostri maggiori alleati.
Oggi, la mia amica continuava a ripetermi: “Ma io lo sapevo, l’ho sempre saputo dall’inizio che non mi amava”…
…è una frase che appartiene anche a me!
Riconoscere la persona con cui condividere la nostra storia è fondamentale, per noi e per chi metteremo al mondo.
Perché la gioia e la tristezza la coltiviamo in quello spazio che chiamiamo “casa”!


Non sono turbato perché mi hai tradito,
ma perché non potrò più fidarmi di te

Jim Morrison


Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

SU DI ME

Isabella

Mi presento sorridendo e con un po’ d’imbarazzo, non perché sia timida, ma per quel pizzico di riservatezza che è innata nelle donne della mia età. Isabella Ferrarelli nata il 20 settembre del 1954 in un piccolo, quanto delizioso paesino della provincia di Rieti, Fara in Sabina. Un infanzia tra la natura, in una famiglia semplice in cui ognuno rispettava il suo ruolo. Prima di due sorelle. Diplomata all’istituto Professionale di Rieti in Accompagnatrice Turistica. Nel 1973 mi sono sposata e trasferita in Puglia a Francavilla Fontana, dove risiedo. Madre di quattro figli. Perché ho deciso di aprire un blog? La risposta è semplice, ogni fine giornata, in questo mio alternarsi di sentimenti , riporto su fogli e quaderni quello che ogni emozione mi lascia nel cuore. Una montagna di pezzi di diario che è la mia “storia” e vorrei condividerla. Credo nella similitudine degli esseri umani, ognuno ha la sua razione di gioia, allegria, spensieratezza… amore e non si è immuni dal dolore e le sconfitte. Il bello del vivere è proprio questo e la bellezza emerge sempre se riusciamo a trovare il meglio nelle piccole cose. La vita mi appartiene e più passa il tempo e più la chiamo per nome come non fosse una cosa astratta, “LEI” mi ha fatto credere in me stessa aiutandomi a trasformare ogni cambiamento in opportunità. Con affetto Isa